PVS: 10 anni di affidabilità al servizio del pharma

L’ampliamento dei servizi e delle risorse ha permesso a PVS Group di proporsi come un partner di riferimento nelle attività di qualifica e convalida lungo l’intera filiera farmaceutica. In attesa del Compliance Day 2024, i responsabili dell’area Sales & Business Development raccontano come la società ha saputo consolidare il rapporto di fiducia con il mercato.

a cura di Marzia Savino

Partito dai servizi di consulenza e qualifica per produzioni API e HPAPI, il Gruppo PVS (Process Validation Service) ha esteso in pochi anni l’attività lungo l’intera filiera farmaceutica, crescendo a livello di esperienze e risorse e affrontando sfide sempre più complesse. L’apertura di tre sedi, la partecipazione e l’organizzazione di eventi di divulgazione tecnico-scientifica, l’ampliamento dei servizi con la fondazione della società SolTech rendono PVS una realtà molto attiva sul territorio e in grado di costruire relazioni positive. Per conoscere meglio l’approccio del Gruppo al mercato, abbiamo rivolto alcune domande ad alcune figure chiave dell’area Sales & Business Development: Stefano Moltani, Chiara Mariani e Manfredi Musmarra.

PVS Manfredi Chiara Stefano

I responsabili dell’area Sales & Business Development di PVS Group: da sinistra, Manfredi Musmarra, Chiara Mariani e Stefano Moltani

Stefano Moltani, può descriverci il valore aggiunto e le competenze che hanno costruito finora l’identità del Gruppo PVS?

Moltani: “In questi dieci intensi anni di attività, l’azienda è stata in grado di interpretare le richieste dei vari clienti, spendendosi sempre per ricercare soluzioni e supportando le esigenze volte a finalizzare le aspettative dei ‘goal’ di progetto in termini di tempistiche e qualità. Sulla base delle pregresse esperienze dei soci fondatori – Rodolfo Russo, Antonino Manoli, Antonio Santisi – l’azienda ha mosso i primi passi nell’erogazione di servizi consulenziali e di qualifica per impianti di produzione API e HPAPI e la correlata automazione (DCS, SCADA, PLC/HMI, sistemi di registrazione…), sia per progetti di tipo green field o legati a revamping, o per attività di mantenimento routinarie.

I buoni risultati ottenuti hanno permesso a PVS di introdurre molte risorse: questo ci ha proiettati progressivamente a operare all’interno di tutta la filiera farmaceutica, acquisendo sempre più esperienza e opportunità di confronto con nuove sfide. Direi che i plus aziendali rimangono la flessibilità, la dinamicità e l’affidabilità. Ovviamente la qualità resta un elemento imprescindibile della nostra attività”.

Quali sono stati i principali risultati raggiunti in questi primi dieci anni e quali le prossime tappe?

Moltani: “Nel primo anno di operatività, le risorse e la strumentazione erano più ‘misurate’, mentre oggi l’organico di PVS sta per raggiungere le 50 unità e il nostro parco strumenti è diventato importante in termini di tipologie e quantità. Con l’attuale forza tecnica e strumentale, siamo stati in grado di gestire progetti di qualifica complessi, raggiungendo una quota significativa dei servizi erogati sul territorio nazionale e aumentando notevolmente il portafoglio clienti. Questo per noi è motivo di soddisfazione e i riscontri che abbiamo ottenuto ci spingono a impegnarci ancora di più. Ripensando al nostro percorso, i risultati sono stati moltissimi, anche a livello di struttura aziendale.

Negli anni abbiamo aperto ben tre sedi: a Paderno Dugnano (MI), Vicenza e Latina. Dal primo piccolo ufficio in affitto, oggi la sede centrale di Paderno Dugnano è di nostra proprietà e occupa una superficie di oltre 600 m2. Un importante risultato, anche sotto il profilo patrimoniale, che racconta l’impegno e la volontà di creare un ambiente sereno e di confronto. Negli anni qui sono cresciuti professionisti esperti e persone di valore, che sono ancora oggi parte integrante dell’azienda e forza trainante per i nuovi colleghi in termini di responsabilità, competenze e maturità”.

Chiara Mariani, qual è l’approccio al cliente e al mercato che il team di PVS predilige?

Mariani: “Lo spirito aziendale di PVS è costituito da valori in cui crediamo fortemente, che ci piace portare avanti e ribadire nelle relazioni che costruiamo con i nostri clienti: la condivisione, l’impegno e l’affidabilità. Questo perché siamo dell’idea che un confronto onesto e costruttivo sia la base di ogni relazione professionale serena. In azienda siamo abituati a parlare in maniera diretta, a mettere sul tavolo esperienze e problematiche, e quello che viviamo ogni giorno nel nostro ambiente, cerchiamo di ricrearlo anche dai clienti, che lo percepiscono e lo apprezzano.

I nostri clienti si fidano di noi, e questo è il successo più grande che si possa desiderare. A livello operativo, su ogni attività e per ogni cliente assegniamo un referente tecnico dedicato, e in caso di progetti particolarmente complessi, procediamo anche internamente a riunioni periodiche di analisi sullo stato di avanzamento delle attività. Valutiamo insieme ogni singolo cliente per le sue caratteristiche, e cerchiamo di seguire quanto più possibile le sue esigenze, facendo sì che si senta compreso e ci veda partecipi nel raggiungimento dei suoi obiettivi”.

PVS Group

Come vi ponete nei confronti degli eventi di settore?

Mariani: “Dal punto di vista commerciale, gli eventi di settore sono un’importante azione strategica a livello di posizionamento e comunicazione. Dal punto di vista delle relazioni, per noi sono un’occasione di incontro e di confronto con i nostri clienti. PVS ci tiene ad avere una presenza forte nel contesto di tutti i più importanti eventi che vedono protagonista il suo campo operativo (i convegni delle associazioni, i congressi fieristici, i seminari scientifici ecc.), anche attraverso azioni di sponsorizzazione o con un proprio stand, che diventa punto di richiamo per appuntamenti di lavoro o, come spesso accade, occasione per scambiare saluti e approfondimenti in un ambiente più informale. Non è tutto, però. Perché per noi è fondamentale condurre il gioco in prima persona.

È per questo che PVS promuove da anni il proprio Compliance Day, un seminario gratuito rivolto ai nostri clienti, che si tiene con cadenza annuale. Le tematiche trattate vanno dagli approcci risk based nella qualifica e nel commissioning ai servizi a valore aggiunto per l’industria delle life sciences, e molto altro, con programmi che vengono aggiornati a seconda degli argomenti di maggior interesse del momento. I docenti vengono scelti tra i nostri project manager – persone di alta competenza tecnica, che affrontano ogni giorno le sfide sul campo, e che quindi hanno molto da raccontare – e alcune figure chiave tra le nostre società partner, tra le quali Endress+Hauser e QualiWare. Quest’anno il Compliance Day si terrà ad Aprilia (LT) il prossimo 3 ottobre: naturalmente, siete tutti invitati!”.

Manfredi Musmarra, da quali premesse e con quali obiettivi è nata SolTech?

Musmarra: “Si è trattato di un’evoluzione naturale di ciò che è avvenuto nel tempo attraverso la collaborazione con i nostri clienti e partner. PVS è da molti anni presente presso le aziende chimiche e farmaceutiche nell’ambito dei servizi GMP, e l’apprezzamento ricevuto da parte del nostro gruppo di tecnici ha spesso trasformato i nostri interventi da servizi di carattere puramente tecnico in occasioni di supporto a livello consulenziale. Tutto questo si è tradotto in una nuova consapevolezza delle nostre potenzialità. I clienti ci hanno riconosciuto una grande affidabilità e, sempre più spesso, ci hanno coinvolto nella scelta di soluzioni tecnologicamente adatte al loro contesto, nella ricerca di soluzioni alternative e anche nella gestione di progetti.

Negli anni, quindi, ci siamo ricavati una posizione nel nostro segmento di riferimento, non solo come PVS, ma come un gruppo di aziende in grado esprimere un valore aggiunto nel campo dei servizi di ingegneria, progettazione e di consulenza altamente specializzata in ambito GMP. Forti di questa fiducia da parte dei clienti e della consapevolezza del livello tecnico raggiunto, l’ulteriore obiettivo del nostro Gruppo si è tradotto nella creazione di un nuovo soggetto che potesse perfezionare il complesso dei servizi che volevamo, e potevamo, offrire al mercato. SolTech è nata da questa spinta iniziale, per integrare la nostra proposta, dando ai clienti l’opportunità di rivolgersi a un’azienda specializzata nella ricerca di soluzioni e prodotti tecnologici, innovativi e adeguati alla variegata realtà produttiva del panorama industriale italiano e non solo”.

Quali soluzioni mette in campo SolTech e per quali applicazioni farmaceutiche?

Musmarra: “Siamo molto ben introdotti nel mercato dei prodotti e dei sistemi specializzati per il mondo farmaceutico. Questo non significa che offriamo solo soluzioni innovative, ma anche che possiamo selezionare prodotti o servizi già presenti, o comunque i più adeguati alle reali esigenze dei clienti. Spesso, infatti, la scelta delle migliori tecnologie da integrare nei progetti necessita di una conoscenza dei vari prodotti disponibili sul mercato e di un’imprescindibile verifica della sua concreta applicabilità alle realtà e ai processi produttivi. In tal senso, SolTech propone prodotti monouso, apparecchiature di processo e per i laboratori, sistemi di automazione (basati sia su architetture già presenti sul mercato, che realizzabili con prodotti alternativi e adeguati a ogni budget).

L’ultima idea, per esempio, è stata studiata e realizzata per il calcolo dell’MKT, con il fine di integrare questa funzionalità su sistemi in cui non è presente, ma conciliando la solidità del sistema, con l’economicità che tale introduzione richiede. La ricerca di prodotti di qualità, con una ormai necessaria vocazione green, ci ha portato inoltre a selezionare un’ampia gamma di prodotti monouso – tute integrali, in particolare – che dispone anche di una certificazione ISCC+, fondamentale per attestare la reale partecipazione alla catena del riciclo dei prodotti più moderni.

Le attività chiavi in mano, ultimamente, stanno rivestendo particolare importanza nel nostro business. Gli interventi sulla registrazione dei parametri ambientali nei laboratori e magazzini sono diventati molto rilevanti, consentendoci di fornire la gamma completa dei servizi, grazie alla totale presa in carico del progetto: dalla fase di studio e compliance normativa, fino alla fornitura e realizzazione di prodotti su misura, installazione in campo e, ovviamente, qualifica impianto e convalida dei sistemi a esso collegati”.

PVS Group

PVS Group organizza da diversi anni, in collaborazione con aziende partner, una giornata di approfondimento sulle sfide tecnologiche del settore life science. Prossimo appuntamento: il Compliance Day ad Aprilia, il 3 ottobre 2024

C’è l’idea di ampliare la gamma dei marchi partner?

Musmarra: “Certo. Rappresentare per i nostri clienti un partner affidabile e competente, significa impegnarsi a essere sempre informati su ciò che viene ideato e messo a disposizione dal mercato. Nel corso di quest’anno, contiamo di espandere le nostre rappresentanze e collaborazioni con altre realtà produttive. Il mercato dell’automazione, in generale, rappresenta da sempre il nostro riferimento principale: molti di noi vengono da questo mondo e, con gli ultimi ingressi nel gruppo di personale specializzato, prevediamo ulteriori sviluppi anche per la realizzazione di progetti più complessi e fortemente customizzati”.

Come avviene la sinergia con il gruppo PVS?

Musmarra: “La sinergia è il nostro punto di forza. Contiamo da sempre sulla collaborazione tra gli ingegneri di Process Service, azienda specializzata nella progettazione di impianti chimico-farmaceutici, e i tecnici e consulenti di PVS in Italia e all’estero. Possiamo quindi completare la nostra proposta disponendo di esperti di processo, tecnici specializzati, consulenti GMP, e di impianti anche molto particolari (penso alla nostra sezione interna che si occupa di TOC), oltre che esperti di automazione con i quali poter sviluppare progetti di notevole importanza.

Teniamo molto a questa sinergia tra le varie competenze ed esperienze dei nostri colleghi. Questo ci permette di essere dei consulenti con un ampio spettro di conoscenze, che possono affrontare anche problemi complessi grazie alla presenza nel gruppo di personale con esperienza su argomenti tecnici molto specifici. Questo approccio ci rende un partner significativo: un consulente con una ‘visione’ che non rimane focalizzata solo su singole questioni, ma che è in grado di non prescindere dal contesto generale”.

altri articoli

Asco pompe

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ULTIMO NUMERO

ULTIME NOTIZIE

NAVIGA PER CATEGORIA